CHI SIAMO


L'ANCeSCAO (Associazione Nazionale Centri Sociali, Comitati Anziani e Orti) è una associazione democratica, apartitica che agisce in totale autonomia, non pone alcuna discriminazione di carattere politico, religioso, sociale, di razza, di colore o nazionalità d'origine (Art. 4 dello Statuto), senza finalità di lucro.
Associazione di promozione sociale riconosciuta ufficialmente dal Ministero dell'Interno con il D.M. n. 559/C.4749.12000.A (113) del 4 marzo del 1994 quale "Ente nazionale a finalità assistenziali".
E' iscritta all'Albo Nazionale delle Associazioni di Promozione Sociale al n. 35.
Ad essa aderiscono 1.210 Centri soiali e Culturali per Anziani (al dicembre 2006) dislocati in tutte le zone del Paese con oltre 350.000 soci aderenti.
12 marzo 1990: nasce l'Associazione con atto del notaio dr. Pasquale Candito di Bologna, quale Coordinamento Nazionale dei Centri Sociali, Comitati Anziani e Orti. Il nome orti p stato inserito nella denominazione in quanto al Coordinamento possono aderire i Comitati di gestione delle zone ortive assegnate alle persone anziane dagli Enti locali.
4 marzo 1994: il Ministero dell'Inteno decreta che l'Associazione Nazionale dei Centri Sociali, Comitati Anziani e Orti, in quanto riconosciuta ente a carattere assistenziale, è ammessa ad avvalersi delle disposizioni di cui all'art. 3, sesto comma, lettera E, della legge 25 agosto 1991, n. 287.
7 dicembre 1997: viene emanato il decreto legge 460, che nel ridisegnare le norme tributarie attribuisce agevolazioni fiscali individuando due nuove figure giuridiche: le associazioni di promozione sociale e le onlus.
8 dicembre 2000: viene emanata la legge 383, che disciplina le associazioni di promozione sociale. Questa legge definisce più compiutamente la nuova persona giuridica (già individuata nel decreto legge 460/97), la disciplina civilmente, detta le regole per il riconoscimento di queste associazioni, attribuendo altre agevolazioni.

Clicca qui per scaricare lo Statuto Nazionale ANCeSCAO (approvato dall'Assemblea Nazionale a Pesaro il 7 ottobre 2010)